Google Penguin Update: cosa cambia nel posizionamento

aggiornamento posizionamento google penguinCon il Penguin Update il posizionamento su Google (vedi: http://www.serviziposizionamento.com per le notizie sull’indicizzazione su Google a seguito di Panda 3.3 e Penguin) diventa sostanzialmente più costoso, se intendiamo una base di prezzo per mettere a punto delle operazioni di ottimizzazione e posizionamento. Google ha infatti dato uno schiaffo a tutti quei siti, che deliberatamente sembrano forzare le serp costruendo siti troppo artificiosi, costituiti da una ottimizzazione on page esagerata e da un uso non proprio naturale degli anchor text.

Quello che appare chiaro è che Google colpisce in qualche modo, per citare Matt Cutts, i siti over-ottimizzati, ovvero quei siti che sembrano concentrarsi troppo sull’ottimizzazione e poco sull’utente. Dal 24 aprile, giorno del rilascio dell’update, Google ha giustamente deindicizzato i private blog network, ritenendo che essi manipolassero le pagine dei risultati. E’ anche vero che questi siti fossero creati unicamente con lo scopo di alterare le serp, con contenuti di scarsissima qualità, poco usabili, con contenuto duplicato o riciclato (spunned content), non riuscendo peraltro a tematizzare adeguatamente i siti (es.: i link venivano ospitati su pagine che parlavano di tanti argomenti, con contenuti di dubbia qualità). Nel nuovo Google questo non può più succedere, anche se già dal primo impatto non sono mancate le polemiche per la pessima qualità di alcune serp.

Un pensiero su “Google Penguin Update: cosa cambia nel posizionamento

  1. La mia opinione è che Penguin è un primo passo verso una ricerca più efficace per gli interessi di Google e dei navigatori che ne utilizzano i servizi.
    Un lavoro SEO molto spinto, non sempre spinge in avanti siti con contenuti veramente efficaci ed il risultato è che le query risultano “poco precise” e scarsamente attinenti alle necessità dell’utente del motore di ricerca. Se a questo aggiungiamo le ricerche in tempo reale che in tanti casi compaiono prima ancora del content ecco che ne viene fuori un guazzabuglio.

    Allora ben venga Penguin.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi